Archivi tag: una perla per l’oceano

“Lettera ad una prigioniera politica” premiata “per aver osato”

Alla mia composizione “Lettera ad una prigioniera politica” è stato assegnato il premio speciale “Per aver osato” nell’ambito del concorso “Una perla per l’oceano” organizzato dall’associazione poetica e piccola casa editrice “L’oceano nell’anima” (http://www.oceanonellanima.it/CC_varie15.php?scelta=risultati&page=1&pageau=1).

“Tutta la foga degli anni giovanili di chi freme in attesa del riscatto di una società idealizzata, che rompe gli argini dei valori che dovevano essere pilastri su cui poggiare le spalle durante il percorso di crescita per una giusta convivenza civile e sociale. La ricerca di un equilibrio nell’esistenza, in un’originalità descrittiva ricca di graffianti connotazioni lessicali che implodono nel testo, ben articolato di una mente che viaggia su binari che deragliano dall’ovvio e dalla banalità. Tesi e antitesi a confronto, in cui ritmo, semantica, suono, si sposano naturalmente lenendo il pragmatismo storico a favore della passionalità e del determinismo in cui, nonostante le disillusioni, fantasia e cuore signoreggiano.

In fondo all’amarezza, la più grande aspirazione è, e rimane l’avvento del tempo dell’Amore” (cit.)

Ci aggiungo io: la chiave di lettura di questo testo è tutta condensata nel verso di  un vecchio canto di lotta di Gianfranco Manfredi (Liberiamo) che recita: “siamo tutti prigionieri politici”. Nello specifico il testo si riferisce alla condizione femminile prevalente in troppe parti del nostro Paese, alle figlie delle casalinghe maschiliste dell’Italietta cattolica e provinciale, alle barriere di odio che innalza l’illusione di stare praticando amore. Ecco, quelle donne relegate alla sfera privata in nome di inutili paure, relegate da altre donne complici del macho sessista che le ha cresciute sono tutte, in senso ampio, “prigioniere politiche”, “siamo tutti prigionieri politici”!

Una colata di cemento e repressione
ci tiene incollati alle finestre di non più verdi città,
vite di conservanti e carte da pacchetti.
Come una nuvola si sfoga su fili elettrici scoperti
i vuoti d’aria degli spazi chilometrici
cortocircuitano i sentimenti che imboccano sentieri eretici
tuttavia mai arresi all’idea di non tornare ortodossi.
Ma come si combatte la sola malattia da cui si può essere affetti a vent’anni?
Intanto costruisciti la cura,
tu che puoi,
tu che mi hai portato su un’autostrada per l’Everest quando le acque del pianeta si mangiavano la terra,
tu fiume dove bere e perdere la memoria dei traumi della società passata.
Un’ora d’aria non vale l’altra.
Concediti la tua ora d’aria dall’altra parte del muro di Berlino,
al capolinea opposto di un treno senza orario,
e interroga le piogge prigioniera delle tue montagne apprensive,
con le tue maniere dolci,
interroga le tue compagne di cella
e convinci il tempo degli altri
a ritirarsi dal viaggio,
il tempo di quelli per cui noi
non avremmo che attimi,
loro non hanno che attici.
Non dargli scampo,
l’amore richiede un po’ di futuro.