Lettera di un giovane manifestante torinese

Voglio segnalarvi una email che mi è stata recapitata scritta da un ragazzo che oggi era a Torino a manifestare insieme

a lavoratori pubblici  e studenti.

” Ciao Matteo ( Ti do’ del tu perchè sei un mio coetaneo ),

oggi a Torino c’è stata una manifestazione di studenti medi, totalmete

pacifica nche se rumorosa. Ad un certo punto il corteo ha cambiato

direzione dirigendosi verso la sede del PDL e la polizia l’ha fermato.

Dopo poco, senza alcuna iniziativa violenta da parte nostra la polizia

ha caricato, massacrando di manganellate…

la… prima fila e rubando lo striscione principale. Poi quelli che si

sono ripresi dalle botte e hanno cercato di riprendersi lo striscione

ma la polizia l’ha strappato e ha caricato nuovamente picchiando sia

maschi che femine 14enni e 15enni, e infierendo mentre erano già a

terra e addirittura dando manganellate anche ai fotografi e infine ha

caricato una terza volta per disperdere il corteo. Alle domande il capo

della digos ha detto che la polizia può caricare alla prima azione

illegale. Qundi se non attraverso sulle striscie mi possono ammazzare

di botte. Inoltre una decina di poliziotti erano armati con dei

mitragliatori. Ad una manifestazione di studenti.

io c’ero

e ho rischiato tante botte.

Giulio.

Allegato a questa email mi è arrivato anche il link di questo video di youtube:

e alcune foto: