Ucciso dal carcere compagno Fallico presunto “neo br”

Volevo riportare anche sul mio blog questa notizia con alcune considerazioni importanti:

L’altro ieri è morto per una crisi cardiaca (sic), nel carcere Mammagialla di Viterbo dove era recluso, Luigi Fallico. Nonostante lamentasse da giorni dei dolori al petto e la pressione altissima l’infermeria del carcere aveva pensato bene di dargli una tachipirina e rispedirlo in cella. Era stato arrestato due anni fa per uno dei numerosi teoremi sulle fantomatiche “nuove brigate rosse” che in questi anni hanno fatto sbizzarrire la fantasia degli inquisitori. Aeroplanini telecomandati da far schiantare sul G8, presentazioni di libri utilizzate come centro di reclutamento, cellule dormienti con militanti ultrasettantenni… Una caccia alle streghe per cui anche un bisbiglio, una battuta a voce alta o un libro proibito conservato a casa sono stati ritenuti elementi più che sufficienti per sbattere in carcere qualche compagno e costruirsi carriere grazie ai riflettori dei media. Figurarsi poi se si sono intrattenuti rapporti, anche solo d’amicizia o sentimentali, con qualcuno che con la lotta armata c’ha avuto veramente a che fare. E guarda caso su Fallico pendeva anche “l’accusa” di aver avuto una storia con la Lioce, come a dire che non poteva non essere un brigatista. Allora dagli all’untore, al mostro, al terrorista. Come è stato, senza andare troppo in la col tempo, anche per Massimo Papini. Che ha dovuto aspettare due anni (in carcere) prima di essere assolto lo scorso marzo con formula piena. Fallico, sempre che la presunzione d’innocenza valga ancora e valga pure per i comunisti, è morto in carcere da innocente. Condannato a morte in attesa di giudizio.

(Dal blog di Militant )

“Un brigatista non va mai in pensione. Un brigatista muore brigatista” L.Fallico

Guerra alla guerra imperialista! Grecia, Svizzera e Livorno docent

“Guerra alla guerra imperialista ! “

Dicevano alcuni compagni qualche anno fa.. 😉

E dopo qualche anno ecco una nuova azione rivoluzionaria !

Ieri alle ore 16.05 alla caserma della Folgore di Livorno (Punto di riferimento ovviamente delle avide ed occidentalissime guerre imperialiste) un pacco bomba è esploso nelle mani del parà Albamonte ferendolo gravemente…

L’azione è stata rivendicata da alcuni anarchici…

Volevo cantare assieme a voi una canzoncina proposta da una compagna:

Tenente Albamonte,

parà della folgore

gli è esploso un plico in mano,

non andrà lontano,

forse son terroristi,

ma tu sei n’infame,

ammazzi i poveracci

per il tuo pane

Che poetessa direte XD 😉

(Cantata sulla melodia di “Tu scendi dalle stelle”)

Assediamo il parlamento

E questa rivoluzione?

Quand’è che la facciamo?

Gli scontri dei giorni scorsi potrebbero considerarsi una anticamera.

IL 14 DICEMBRE IO A ROMA, C’ERO!

Anche se bisogna fare alcune considerazioni ed esprimere alcune critiche.

Come avevo detto ad alcuni compagni bisogna agire in modo più strategico ed armarsi meglio se si vuole sovvertire l’attuale ordine sociale.

Poi, bisogna riconoscere e cacciar via gli sbirri infiltrati tra i manifenstanti. Eh, già…forse non tutti lo sapranno ma ormai da sempre sono attuate alcune strategie dai servi dei servi.

Eccone le due principali:

– Alcuni sbirri si “travestono” da manifestanti e fanno finta di aiutarli; in realtà provocano i loro colleghi poliziotti cosi’ hanno una scusa per attaccare gli studenti, molti dei quali manifestano pacificamente

(Prove:

Commento: I manifestanti fermati hanno le stesse scarpe degli sbirri..Coincidenze? O.o )

– Si lascia che i black block devastino e distruggano vetrine, strade, negozi..ecc.. in modo che si ha la scusa per poter agire e caricare!
(L’utilizzo di questo metodo è ormai ben noto, grazie anche a delle intercettazioni telefoniche in cui lo stesso Cossiga ce lo rivela.

Prove:

)

Volevo poi segnalarvi un video in cui degli sbirri pestano un compagno stordito e già manganellato a terra!

Per quanto riguarda la mia testimonianza..

tranquilli..SONO VIVO!

Non mi sono esposto a molti pericoli, in realtà.

Vi posso, pero’ dire che quando i manifestanti sono arrivati a piazza del popolo(Nel tardo pomeriggio), gli sbirri li hanno lasciati entrare dopodichè hanno bloccato le due uscite e si è scatenato l’inferno!

Vi posso anche testimoniare che mi sono trovato all’interno della zona rossa, ecco il mio video:

Volevo poi farvi vedere un video interessante che ho trovato:

Compagni, organizziamoci meglio e assediamolo davvero questo parlamento!

Hasta la victoria siempre!