Io l’11 Marzo a Roma

Dopo qualche settimana di assenza torno a scrivere sul mio blog..

L’altro ieri sono stato a Roma allo sciopero indetto dall’Unione dei sindacati di Base(Usb):

discreta manifestazione, 50.000 manifestanti all’incirca, pochi giovani, ma circa 1 milione e mezzo i lavoratori che hanno incrociato le braccia!

Ecco a voi uno dei pochi “momenti di tensione” da me ripreso:

E’ stata una giornata impegnativa, perchè dopo il corteo ho raggiunto a piedi p.zza Flaminia da p.zza Navona  e, dato che le metro erano bloccate per arrivare a Battistini ho dovuto prendere il bus da Flaminia per Cornelia…1 ora e mezza di bus 😉

Bando alle ciance è stata una bella giornata….mi è stata d’ispirazione per scrivere una canzone che chiamerò “Ballata dello sciopero”

e poi ho avuto modo di conoscere una persona molto importante che mi è stata d’ispirazione per la seguente poesia:

A forza d’esser vento,

spargerò i capelli d’oro che ‘n mille nodi sono avvolti.

A forza d’esser sole,

agiterò le molecole dei binari

che t’han condotto fino a qui,

per viaggi nuovi, intensi e che richiamino mille ascolti.

A forza d’esser sabbia

custodirò i tesori più preziosi

che da mille pirati son minacciati.

A forza d’esser mare,

naufragherò la barca più piccola e speciale

ch’ogni fiume dolcemente mi trascina

A forza d’esser tempo fermerò

il mio marciare e continuo consumare

ch’ogni secondo non sarà piu’ passato del seguente

o futuro del precedente..

A forza d’esser poeta

soffrirò la mia incapacità di cantar del grande,

dell’immenso, dell’infinito, di te.

M.Iammarrone

13/03/2011