Il mio incubo al cubo è stato partorito…

Con un po’ di rammarico per non aver inserito il brano “2026” che, oltretutto avevo anche preparato è uscito in vendita su Itunes il mio nuovo album “casalingo” Incubo al Cubo.

Si ringrazia Salvio Pettinicchio per l’arrangiamento dei brani, in particolare per la musica di “Abbracci meccanici” e per le foto e la copertina. Si ringrazia anche Alessandro Russi per le parti di basso e Antonio Volgarino per la parte di chitarra elettrica nella canzone “Le luci del cielo”.

Che dire..a voi il giudizio.. è un album cantautorale, piuttosto intenso, profondo per molti aspetti, forse un po’ “vuoto” musicalmente verso le ultime canzoni, ma dai testi sempre poetici…

Potete ascoltare un ANTEPRIMA GRATUITA O SCARICARLO !

ASCOLTA GRATUITAMENTE L’ALBUM SU ROCKIT


Oltre le Alpi…l’ultimo giorno del 2011 varcherò il confine..

L’ultimo giorno del 2011 “scapperò dall’Italia” varcando il confine e rifugiandomi fuori da questa dannata UE e dalla sua dittatura delle banche!

Come ho sempre fatto per i miei viaggetti e i miei spostamenti cercherò di rendere il tutto più avventuroso possibile e di spendere il meno possibile…

Adesso…a parte sceniche esagerazioni da blogger…passerò il mio capodanno vicino Locarno da una mia cara amica..

Tranquilli, i 1000 km non li coprirò certo praticando Trainsurfing!!!

Questo coraggio ancora non lo ho trovato! Ma viaggiare gratis?

Quante volte ci avete provato seduti nel vagone per le bici, accucciati contro la porta?
O tappati in bagno per oltre 200km?
O per i meno coraggiosi un timido “guardi.. era rotta l’obliteratrice..”?


Ecco invece come farlo con stile estremo:

Effettuato da The Trainrider. Prima che morisse di leucemia, ha passato l’ultimo anno della sua vita surfando sui treni. Ha surfato anche sui treni ad alta velocità tedeschi chiamati ICE con velocità di punta prossime ai 250mph. Nessuno lo aveva mai fatto prima. Che non sia dimenticato.
Il suo motto era: Puoi essere libero solo se non hai nulla da perdere.
R.I.P.

Presto foto, video e “poesie d’oltre confine” 🙂

Firenze, killer a caccia di stranieri…Roma, popolo a caccia di banchieri

Quale dei due titoli preferite?

Ah che titolo epico sarebbe stato il secondo! E invece no: come da stupidità italiana il titolo  tristemente reale è il primo.

Prima nel mercato di piazza Dalmazia poi in quello di San Lorenzo, vicino al Duomo. Le vittime sono ambulanti. Il killer, un pistoiese di 50 anni, Gianluca Casseri, è stato fotografato mentre fuggiva in macchina. Bloccato in un parcheggio, durante un conflitto a fuoco è rimasto ucciso. L’uomo era stato identificato nel corso di due manifestazioni di CasaPound

Fonte: http://firenze.repubblica.it/cronaca/2011/12/13/news/colpi_di_pistola_in_piazza_dalmazia-26530382/?ref=HREA-1

E ancora una volta traspare l’ignoranza fascista che vede la causa della crisi, il nemico da combattere nello straniero, nell’immigrato, in questo caso nel senegalese.

Ma sappiamo bene che i nemici non sono questi, i nemici sono i banchieri che hanno causato la crisi, gli speculatori, i politici complici, Marchionne che toglie i diritti ai lavoratori lasciando a casa padri di famiglia, Monti che serve a dovere la loggia massonico-finanziaria di cui fa parte, i nemici sono questi, non gli immigrati!

Sono pervaso da un profondo dispiacere ogni qualvolta constato che al mondo esiste gente ancora così stupida da non capire chi è il vero nemico..i soliti fasci, ovviamente..ma non solo, questi pensier comuni sono ancora troppo diffusi nella mentalità della gente….

Pensare dunque essere