Archivi categoria: Riflessioni, poesia e sfogo

Guerra alla guerra imperialista! Grecia, Svizzera e Livorno docent

“Guerra alla guerra imperialista ! “

Dicevano alcuni compagni qualche anno fa.. 😉

E dopo qualche anno ecco una nuova azione rivoluzionaria !

Ieri alle ore 16.05 alla caserma della Folgore di Livorno (Punto di riferimento ovviamente delle avide ed occidentalissime guerre imperialiste) un pacco bomba è esploso nelle mani del parà Albamonte ferendolo gravemente…

L’azione è stata rivendicata da alcuni anarchici…

Volevo cantare assieme a voi una canzoncina proposta da una compagna:

Tenente Albamonte,

parà della folgore

gli è esploso un plico in mano,

non andrà lontano,

forse son terroristi,

ma tu sei n’infame,

ammazzi i poveracci

per il tuo pane

Che poetessa direte XD 😉

(Cantata sulla melodia di “Tu scendi dalle stelle”)

Io l’11 Marzo a Roma

Dopo qualche settimana di assenza torno a scrivere sul mio blog..

L’altro ieri sono stato a Roma allo sciopero indetto dall’Unione dei sindacati di Base(Usb):

discreta manifestazione, 50.000 manifestanti all’incirca, pochi giovani, ma circa 1 milione e mezzo i lavoratori che hanno incrociato le braccia!

Ecco a voi uno dei pochi “momenti di tensione” da me ripreso:

E’ stata una giornata impegnativa, perchè dopo il corteo ho raggiunto a piedi p.zza Flaminia da p.zza Navona  e, dato che le metro erano bloccate per arrivare a Battistini ho dovuto prendere il bus da Flaminia per Cornelia…1 ora e mezza di bus 😉

Bando alle ciance è stata una bella giornata….mi è stata d’ispirazione per scrivere una canzone che chiamerò “Ballata dello sciopero”

e poi ho avuto modo di conoscere una persona molto importante che mi è stata d’ispirazione per la seguente poesia:

A forza d’esser vento,

spargerò i capelli d’oro che ‘n mille nodi sono avvolti.

A forza d’esser sole,

agiterò le molecole dei binari

che t’han condotto fino a qui,

per viaggi nuovi, intensi e che richiamino mille ascolti.

A forza d’esser sabbia

custodirò i tesori più preziosi

che da mille pirati son minacciati.

A forza d’esser mare,

naufragherò la barca più piccola e speciale

ch’ogni fiume dolcemente mi trascina

A forza d’esser tempo fermerò

il mio marciare e continuo consumare

ch’ogni secondo non sarà piu’ passato del seguente

o futuro del precedente..

A forza d’esser poeta

soffrirò la mia incapacità di cantar del grande,

dell’immenso, dell’infinito, di te.

M.Iammarrone

13/03/2011

Chiamami ancora amore testo e accordi, Vecchioni a San Remo 2011

Ieri ho provato a guardare San Remo, robaccia commerciale lo so..

ma sono rimasto stupito dalla partecipazione di Roberto Vecchioni 🙂

E a dire il vero anche il suo pezzo mi è piaciuto molto! 🙂

Una poesia in puro stile cantautorale, l’unico Artista presente al festival (Oltre a Battiato)

Ascoltate che canzone dolce e intensa..

Intro: La+ Re+ La+ Re+ Mi+

La
E per la barca che è volata in cielo
Mi/Sol#
che i bimbi ancora stavano a giocare
Re/Fa#
che gli avrei regalato il mare intero
La/Mi
pur di vedermeli arrivare
Re
per il poeta che non può cantare
La/Do#
per l’operaio che ha perso il suo lavoro
Si-
per chi ha vent’anni e se ne sta a morire
Mi
in un deserto come in un porcile
La
e per tutti i ragazzi e le ragazze
Mi/Sol#
che difendono un libro, un libro vero
Re/Fa#
così belli a gridare nelle piazze
La/Mi
perché stanno uccidendo il pensiero
Re
per il bastardo che sta sempre al sole
La/Do#
per il vigliacco che nasconde il cuore
Si7
per la nostra memoria gettata al vento
Re
da questi signori del dolore
Mi
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
La7
Che questa maledetta notte
Re/La
dovrà pur finire
Si7
perché la riempiremo noi da qui
Mi
di musica e parole
La
Chiamami ancora amore
Mi
Chiamami sempre amore
Mi7
In questo disperato sogno
La
tra il silenzio e il tuono
Si-
difendi questa umanità
Fa#-
anche restasse un solo uomo
Mi
Chiamami ancora amore
Re/La
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
La
Perché le idee sono come farfalle
Mi
che non puoi togliergli le ali
Re/La
perché le idee sono come le stelle
La
che non le spengono i temporali
Re
perché le idee sono voci di madre
La/Do#
che credevano di avere perso
Si7
e sono come il sorriso di Dio
Re/La
in questo sputo di universo
Mi
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
La7
Che questa maledetta notte
Re/La
dovrà ben finire
Si7
perché la riempiremo noi da qui
Mi
di musica e parole
La
Chiamami ancora amore
Mi
Chiamami sempre amore
Mi7
Continua a scrivere la vita
La
tra il silenzio e il tuono
Si-
difendi questa umanità
Fa#-
che è così vera in ogni uomo
Mi
Chiamami ancora amore
Re
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
La Re Fa# Si- Do# Re
(Stacco)
Mi
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
La7
Che questa maledetta notte
Re
dovrà pur finire,
Si7
perché la riempiremo noi da qui
Mi
di musica e parole
La
Chiamami ancora amore
Mi
Chiamami sempre amore
Mi7
In questo disperato sogno
La
tra il silenzio e il tuono
Si-
difendi questa umanità
Fa#-
anche restasse un solo uomo
Mi
Chiamami ancora amore
Re/La
Chiamami ancora amore
La
Chiamami sempre amore
Re/Fa# La
Perché noi siamo amore

Grazie Poeta.